fbpx

Vite passate

Lezione: vite precedenti

Potrebbe sorprenderti sapere che probabilmente hai ricordi di vite precedenti senza esserne consapevole. Anche se questo può sembrare impossibile, dato che non sempre si manifestano, sono contenuti nelle nostre reazioni emotive.

Quei ricordi inconsci si rivelano in modi molto sottili. Ad esempio, le antipatie istintive possono essere ricondotte ad un evento della vita passata o una risposta emotiva a quell’evento.

Iniziando a scavare nelle vite passate possiamo scoprire le motivazioni dietro le simpatie e le antipatie personali infondate.

Il gusto e l’olfatto rappresentano le memorie sensoriali più frequenti di un evento delle vite precedenti, così come le allergie.

Difficilmente ricordiamo spontaneamente una qualsiasi delle nostre vite precedenti ma,

tuttavia, le emozioni rimangono sorprendentemente intatte e probabilmente mantengono un ruolo significativo nel processo di reincarnazione.

Anche se ci sono molti modi in cui possiamo ottenere informazioni sulle nostre vite precedenti e attingere a quei ricordi, è importante considerare che nessuna esperienza pregressa può definire chi siamo in questa vita.

Spesso questi ricordi si rilevano attraverso particolari sogni che non hanno inizio né fine, in quanto ci ritroviamo improvvisamente nel mezzo di una scena molto reale, tanto da non riuscire a percepire la vera realtà al risveglio.

Oppure quando vediamo i nostri sogni come se stessimo guardando un film, ma partecipiamo attivamente e consapevolmente. Questa modalità è quella dei sogni lucidi.

Un’altra forma di memoria è il richiamo spontaneo e, nel momento in cui si verifica, ci sentiamo come se fossimo stati gettati indietro in quella vita e riviviamo quelli eventi.

Un’altra ipotesi plausibile riguarda la memoria cellulare. Non dimentichiamo che il 90% del nostro DNA ha una funzione non ancora identificata…

In tal senso esistono due teorie…

La prima afferma che ciò che si crede essere il ricordo della vita passata è in realtà un ricordo degli antenati.

Questi ricordi vengono trasmessi da una generazione all’altra e si teorizza che potrebbe essere possibile attingere ai ricordi emotivi degli antenati incorporati nel materiale genetico.

La seconda teoria ipotizza che trasportiamo le nostre esperienze da una vita all’altra attraverso la memoria cellulare.

Essendo l’anima composta da stringhe di energia, nel momento in cui entra in un nuovo corpo, imprime su di esso i ricordi precedenti.

 

La meditazione sulle vite pregresse è uno strumento pratico per poter accedere ad informazioni legate ad altre esistenze. Questa pratica ci consente di accedere alle memorie del passato di cui non abbiamo consapevolezza. Molti eventi, fatti, e situazioni apparentemente inspiegabili che stiamo sperimentando nella nostra vita attuale, possono trovare soluzione attraverso la pratica della meditazione sulle vite precedenti.

Inoltre non può esserci una vera evoluzione della coscienza, e nemmeno una vera crescita spirituale, senza un’adeguata conoscenza del nostro passato, ovvero del nostro karma. Meditare su un evento vissuto in una vita precedente ci dà la possibilità di affrontare meglio le situazioni della nostra vita attuale, di superare un blocco o di portare ad un epilogo positivo una situazione delicata che stiamo vivendo.